Floresta

Floresta

Il Comune di Floresta, in provincia di Messina è il comune più alto, si trova infatti a 1275 metri sul livello del mare. Le caratteristiche del territorio fanno si che il Comune di Floresta sia inserito nel territorio del parco dei Nebrodi, e rasenta anche il territorio del Parco Fluviale del fiume Alcantara di cui nel territorio del Comune fluisce la sorgente.
L’abitato, che sorge proprio di fronte al vulcano Etna, è il più piccolo e al tempo stesso il più alto, contraddistinto da antichi palazzi fregiati da architravi e balconi in ferro battuto.
Le vicende storiche che la caratterizzarono sono prive di eventi memorabili. All’inizio del XVII secolo, nel 1619, il borgo venne elevato a marchesato, la cui giurisdizione fu affidata ad Antonio Quintana da Filippo III. Infine passò agli Stagno d’Alcontres, che lo tennero fino all’abolizione dei privilegi feudali, decretata la nuova costituzione borbonica nel 1812. Nel 1820, la piccola comunità veniva elevata a Comune autonomo. Nel 1892 la popolazione locale, a causa di una grave crisi economica, partecipò alla rivoluzione contadina.
Il settore primario è presente con la coltivazione di cereali, frumento, ortaggi, foraggi, viti, oliveti, agrumeti e atri frutteti nonchè con l’allevamento del bestiame. Il settore industriale è costituito da piccole aziende che operano nel comparto dell’abbigliamento. Il terziario si compone di una sufficiente rete commerciale.
La meravigliosa vista che si gode dall’abitato e il patrimonio naturalistico rappresentano un ottimo richiamo per i turisti, che avranno la possibilità di visitare le cime dei monti Nebrodi e gustare i prodotti tipici locali, tra cui i formaggi. Tra le principali manifestazioni si segnalano: la festa di San Giuseppe a marzo e a settembre, la festa di Sant’Antonio a giugno, la fiera del bestiame e la sagra della provola e della ricotta a luglio e la festa della Patrona, Sant’Anna, il 26 luglio.