Roccella Valdemone

Roccella Valdemone

Comune di origine antica che basa la sua economia sulle tradizionali attività agricole. Ricco di sorgive, il territorio è caratterizzato da una rigogliosa vegetazione boschiva. L’abitato sorge arroccato su una rupe scoscesa e vanta stupende vedute sulla valle e sul maestoso vulcano.

Il ritrovamento, nella prima metà del secolo scorso in territori adiacenti a Roccella Valdemone, di monete di periodo greco-romano fa supporre, già all’epoca, insediamenti umani. Certamente i luoghi erano già abitati all’arrivo dei Saraceni. Successivamente, dai tempi della dominazione normanna, con l’avvento del sistema feudale in Sicilia anche la terra di Roccella divenne concessione feudale e fu divisa in feudi, dati come ricompensa ai baroni che avevano prestato i loro servizi, e dei quali le contrade, in cui tutt’oggi è suddiviso il territorio, sono antica testimonianza: a nord Cassanita, Masinaro, Nocerazzo, Perino, Pillera e Revocato; a sud Bonvassallo (in cui, a differenza delle altre, esiste ancora la borgata), Germanà, Pecoraro, S. Giovanni; a est Daniele; a ovest Pietrorizzo, Lanzarite.

I primi signori feudatari di Roccella Valdemone furono gli Spadafora, anticamente Spatafora, che iniziarono la loro baronia sembra nel 1296 con Damiano Spatafora e sia pure con interruzioni in epoche diverse e con la denominazione alterna dei Lauria, ne mantennero il possesso sino al 1812 quando, essendo marchese di Roccella Domenico Spadafora Colonna, ultimo feudatario della nobile famiglia, il Parlamento abolì il feudalesimo. Il progenitore dell’antica famiglia sembra sia stato Basilio, pronipote di Basilio I° imperatore d’Oriente, capitano delle guardie di Palazzo sotto l’imperatore Costantino e Protospatario, cioè portatore in pugno della spada sguainata durante le cerimonie solenni. Tra i rappresentanti degni di nota della famiglia citiamo: Domenico Spadafora, frate domenicano; Giovanni Michele Spadafora, che il 13 ottobre 1526 commissionò al Gagini un’ effigie marmorea.

Altro fatto storico degno di rilievo fu la questione del comune di S. Domenica Vittoria, costituitosi a poco a poco autonomamente dopo la vendita dei feudi di S. Domenica, Porrito, Pozzoleo e Juncara soprano, facenti parte del marchesato di Roccella, attuata da Francesco Spadafora Crisafi e Sebastina Pagano, tra il 1629 e il 1631. Pur essendo baronia autonoma S. Domenica continuò a dipendere spiritualmente da Roccella Valdemone: battesimi e matrimoni venivano annotati nei registri parrocchiali di Roccella e questo avvenne sino al 1776 quando la Chiesa di S. Domenica fu elevata a sacramento con il diritto, quindi, di amministrare i sacramenti. Inoltre, quando nel 1812, con l’abolizione del regime feudale, anche il paese di S. Domenica avrebbe dovuto costituirsi in comune, poiché si ritenne che non fosse in grado di amministrare, esso fu unito, come sotto-comune, alle dipendenze di Roccella. Soltanto nel 1856 S. Domenica riuscì a far riconoscere la propria autonomia e a staccarsi da Roccella.

Per ciò che concerne l’economia del luogo, il settore primario è presente con la coltivazione di cereali, frumento, ortaggi, foraggi, viti, oliveti, agrumeti a altri alberi da frutto nonchè con l’allevamento del bestiame. Il settore industriale è costituito da piccole aziende che operano nel comparto metallurgico ed edile. Il terziario non assume dimensioni di rilievo.

Tra gli eventi che si svolgono annualmente, segnaliamo: la sagra della ricotta a maggio; la festa del Patrono, San Nicola di Bari, il 6 dicembre.